L’introduzione nel settore del food della tecnica ad ultrasuoni della maturazione spinta© permette di effettuare un enorme passo in avanti nel perfezionamento delle metodologie utilizzate fino ad oggi nelle varie professioni, assicurando agli addetti ai lavori un sensibile risparmio nei tempi, nei costi e soprattutto nei risultati sotto il profilo della qualità del prodotto finale.

Per capire meglio quali siano i vantaggi di questa innovativa tecnica abbiamo parlato con l’Ing Daniele Di Clerico, CEO di Next Cooking Generation, la start-up innovativa italiana che ha brevettato questo nuovo processo.

D. Buongiorno Ing. Di Clerico, ci spieghi perchè la vostra tecnica è rivoluzionaria.

R. “Noi siamo i primi al mondo ad aver introdotto con la macchina waveco® nel settore la tecnica della maturazione spinta©. Grazie all’utilizzo di un sistema brevettato ad ultrasuoni, waveco® permette di trattare qualsiasi tipo di alimento, preservandone la qualità, esaltando le sue caratteristiche e soprattutto rendendolo più sicuro grazie all’abbattimento della carica batterica, caratteristica questa che permette di aumentare sensibilmente shelf life del cibo”.

D. Quindi, non basta utilizzare un qualsiasi macchinario ad ultrasuoni per ottenere gli stessi risultati della maturazione spinta©

R. “Esatto, è assolutamente così. Inserire un alimento all’interno di una vasca ad ultrasuoni, ad esempio le famose “lavatrici”, macchinario citato spesso dagli addetti ai lavori, non produce nessun effetto positivo sui cibi. Ed il motivo è semplice da spiegare: queste attrezzature non sono destinate al settore alimentare, ma pensate solamente per un utilizzo industriale per la pulizia di oggetti.

Discorso completamente diverso per waveco®: la maturazione spinta© è una tecnica che utilizza gli ultrasuoni attraverso un sistema studiato, tarato, brevettato da noi di Next Cooking Generation e validato in maniera specifica per tutti gli alimenti.

Le analisi sono state validate per la materia prima di origine animale dall’Università di Teramo – Facoltà Medicina Veterinaria, ed in particolare dal dipartimento di ispezione e sicurezza alimentare, mentre per le materie prime di origine vegetale, la validazione è stata condotta dall’Università di Tecnologie Alimentari e Microbiologia del Politecnico delle Marche – Facoltà di Agraria. waveco® è una macchina professionale che è frutto di un lungo sviluppo tecnologico portato avanti dalla nostra start-up innovativa negli ultimi anni; un percorso di ricerca che ha prodotto un nuovo concept, un modo migliore e più redditizio per mettere in pratica le tecniche di cucina, il tutto con un unico scopo, riportare al centro di tutto l’alimento ed esaltarlo al meglio”.

D. Quindi, è solo grazie all’innovazione tecnologica e con lo studio e l’applicazione di tali nuove tecniche che è possibile ottenere risultati unici e fino ad oggi inimmaginabili per il settore del food

R. “Lo scenario è corretto – conferma l’Ing di Clerico – per noi di Next Cooking Generation, l’innovazione tecnologica è da sempre un cardine aziendale, una vera e propria missione su cui è nata la nostra realtà: ingegnerizzare nuove tecniche che possano aiutare i professionisti del settore, dagli chef ai pasticceri, nel loro lavoro.

E proprio per questo stiamo investendo energie e risorse in collaborazione con le scuole professionali come la CAST Alimenti, per promuovere questa nuova tecnica della maturazione spinta©; una conoscenza che si può tradurre immediatamente, in significativi vantaggi organizzativi, economici e soprattutto sulla qualità degli alimenti. I professionisti e i giovani che si avvicinano a questa professione sono sempre più consapevoli di questa nuova tecnologia applicata alla ristorazione; ora manca la preparazione e l’applicazione “sul campo”. Portando la nostra tecnologia nelle cucine di CAST Alimenti facciamo proprio questo; grazie alla sua prestigiosa realtà formativa internazionale abbiamo la possibilità di confrontarci, far conoscere e farla utilizzare, cosicché si possano formare nuovi addetti del settore pronti all’utilizzo di nuove macchine che migliorano il lavoro in cucina”.

D. Quali sono i vantaggi ottenibili grazie all’utilizzo di waveco® e della sua maturazione spinta©?

R. “Utilizzare la maturazione spinta© in cucina significa in primo luogo più sicurezza per i cibi: grazie all’abbattimento della carica batterica tutti gli alimenti incrementano sensibilmente la loro shelf life; questo si traduce in minore spreco di materia prima e maggiore qualità per il cliente finale.

La seconda caratteristica fondamentale del trattamento è il rispetto della materia prima: la maturazione spinta© è un processo che avviene a temperatura ambiente – non c’è cottura – l’alimento, attraverso le vibrazioni emesse da un sistema brevettato ad ultrasuoni, beneficia di un massaggio distensivo alle sue fibre che permette di eliminare tutte le caratteristiche negative di durezza; waveco® è in grado di replicare ad esempio, il trattamento di frollatura della carne e di alcuni tipi di pesce, lo realizza con tempistiche sensibilmente ridotte senza intaccare la naturalità della materia prima e senza calo peso.

Al termine del trattamento qualsiasi alimento – carne, pesce o vegetali – raggiungerà la sua massima eccellenza: sarà più morbido, più voluminoso e saporito ed avrà mantenuto tutte le sue qualità nutritive ed organolettiche. Il prodotto potrà essere consumato crudo oppure pronto per la cottura finale, che avverrà in tempi e temperature ridotte rispetto al passato.

Non dimentichiamo infine l’importante parametro del food cost; una delle chiavi per il successo di un’attività a cui un professionista dovrebbe dedicarsi con attenzione: scegliere waveco® significa investire in una soluzione molto vantaggiosa, progettata per offrire grande risparmio in termini di risorse, ore lavorative e costi energetici. Il sistema della maturazione spinta© permette infatti, di preparare i cibi in tempi rapidi, ottimizzando la programmazione ed aumentando la produttività, andando così a ridurre sensibilmente i costi”.

D. Ingegnere, per concludere, le chiedo infine i motivi che vi hanno spinto ad avviare la vostra campagna di crowdfunding? 

R. “Noi di Next Cooking Generation abbiamo un sogno, quello di rendere i cibi che consumiamo ogni giorno più sicuri. Per questo motivo abbiamo avviato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma BacktoWork24 che ci permetterà di proseguire la nostra ricerca e ed andare così a sviluppare e mettere sul mercato un nuovo macchinario, che abbiamo chiamato Krudo®, e che permetterà di andare a sanificare ogni tipo di alimento andando così ad arginare il problema dell’intossicazione alimentare.

Grazie alla campagna di crowdfunding – qualsiasi persona – può sostenere la nostra ricerca con la propria quota (il nostro obiettivo è quello di raccogliere tra i 100.000 e i 600.000 euro) e diventare così protagonista attivo delle nuove sfide sull’alimentazione”.

D. E quali sono i vantaggi che si ottengono aderendo alla vostra campagna, oltre ovviamente quelli di natura etica?

R. “Aderendo alla campagna si potrà ottenere un ritorno economico elevato nei prossimi anni, un beneficio fiscale immediato (detrazione dell’Irpef pari al 30% di quanto investito) ed inoltre l’investitore entrerà nel capitale di un’azienda innovativa con grandi potenzialità di crescita“.

Grazie Ing. Di Clerico per la disponibilità.

Per maggiori informazioni sulla campagna di crowdfunding e per visionare la documentazione visitare la pagina dedicata di Backtowork24 

Per maggiori informazioni su Next Cooking Generation visitare il sito aziendale