Il settimo protagonista del nostro ciclo di interviste agli chef utilizzatori di waveco®, la rubrica che punta a far conoscere maggiormente i vantaggi ottenibili in cucina con l’utilizzo dall’innovativa tecnica ad ultrasuoni della maturazione spinta©, è il pasticciere e gelatiere Luca Tomei. L’incontro è avvenuto nel suo avveniristico laboratorio di gelateria e pasticceria di Milano dove, con la sua consueta energia, ci ha guidato nel suo mondo spiegandoci come grazie alla maturazione spinta© di waveco® sia cambiato il suo modo di lavorare andando a migliorare enormemente le tecniche di preparazione nel completo rispetto della materia prima.

D: Buonasera Luca, ci devi perdonare  ma in questo format di intervista abbiamo l’abitudine di partire dall’ultima domanda, quindi, regalaci uno slogan che useresti per descrivere waveco® e la sua maturazione spinta©

R: “La maturazione spinta© è un passaggio dimensionale che ci permette di risolvere tantissime problematiche”

D: E ora parlaci di te, come nasce Luca Tomei, qual è stato il tuo approccio – fino ad oggi, prima di usare waveco® – verso le innovazioni tecnologiche nel tuo lavoro.

R: “Grazie alle origini e la storia della mia famiglia sono riuscito a fondere l’arte della cucina con la passione per l’innovazione tecnologica. Con waveco® sono riuscito a dare forma alle mie idee, a tutti quei processi culinari che mi ero immaginato e che fino ad oggi non ero riuscito a realizzare”.

D: Quali sono le materie prime che utilizzi maggiormente nella tuo lavoro ?

R: “Le materie prime che utilizzo nel mio lavoro sono quelle classiche del settore della pasticceria e gelateria”.

– Luca Tomei durante un suo show cooking ad HoastMilano 2019 –

D: Come è cambiato il tuo lavoro con l’inserimento di waveco® all’interno del tuo laboratorio e quali sono i tuoi vantaggi nel suo utilizzo?

R: “Uno dei vantaggi indiscutibili è l’accelerazione del processo e la diminuzione dei passaggi che prima ero obbligato a compiere (tempi e macchine). Con waveco® riesco ad effettuare un unico passaggio diretto. Oltre ad avere un risparmio di tempo che mi evolve il processo legato al risultato finale”.

D: Per quale tipo di preparazione non potresti più fare a meno di utilizzare waveco®?

R: “Sicuramente per la purezza delle paste, purezza della materia prima che grazie a waveco® e alle temperature molto basse riesco a preservare tutta la parte organolettica della materia prima senza perdere nulla”.

D: Su quale alimento o preparazione/tecnica ti ha sorpreso di più?

R: “Sicuramente nelle emulsioni. Grazie a waveco® è possibile ottenere un’emulsione perfetta, in poco tempo, utilizzando un’unica macchina ed ottenendo un abbattimento della carica batterica”.

D: waveco® è una macchina che permette allo chef molta sperimentazione in cucina. Tu hai qualche alimento o preparazione sulla quale stai cercando di affinare l’uso degli ultrasuoni della maturazione spinta©?

R: “Grazie a waveco® riesco ad ottenere una maggiore purezza del prodotto senza utilizzare ingredienti aggiuntivi che permettano una maggiore durabilità del prodotto”.

D: Tra i vantaggi che offre waveco® con il suo utilizzo, qual è quello che ti è risultato più utile durante il tuo lavoro?

R: “Sicuramente l’abbattimento della carica batterica e il conseguente incremento della shelf life dei prodotti; un aspetto questo incredibilmente importante per il mio lavoro”.

Grazie Luca, ti ringraziamo e ti facciamo i migliori auguri per l’avvio del primo laboratorio di pasticceria e gelateria waveco®.

DIVENTA PROTAGONISTA DELLE NUOVE SFIDE SULL’ALIMENTAZIONE

Noi di Next Cooking Generation abbiamo un sogno, quello di rendere i cibi che consumiamo ogni giorno più sicuri. Per questo motivo abbiamo avviato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma BacktoWork24 che ci permetterà di proseguire la nostra ricerca e ed andare così a sviluppare e mettere sul mercato un nuovo macchinario, che abbiamo chiamato Krudo®, e che permetterà di andare a sanificare ogni tipo di alimento andando così ad arginare il problema dell’intossicazione alimentare.

Grazie alla campagna di crowdfunding potrai sostenere la nostra ricerca con la tua quota – il nostro obiettivo è quello di raccogliere tra i 100.000 e i 600.000 euro – e diventare così protagonista attivo delle nuove sfide sull’alimentazione.

Aderendo avrai un ritorno economico elevato nei prossimi anni, un beneficio fiscale immediato (detrazione dell’Irpef pari al 30% di quanto investito) ed inoltre entrerai nel capitale di un’azienda innovativa con grandi potenzialità di crescita.

Per maggiori informazioni sulla campagna di crowdfunding e per visionare la documentazione visitare la pagina dedicata di Backtowork24 

Per maggiori informazioni su Next Cooking Generation visitare il sito aziendale