Il quarto protagonista del nostro ciclo di interviste agli chef utilizzatori di waveco®, una nuova rubrica che punta a far conoscere maggiormente i vantaggi ottenibili in cucina con l’utilizzo dall’innovativa tecnica ad ultrasuoni della maturazione spinta©, è il due stelle Michelin Ernesto Iaccarino. In una location da sogno come il Ristorante Don Alfonso 1890 lo chef accoglie e coccola i suoi clienti con una filosofia di cucina che innova rispettando la cultura e le tradizioni alimentari millenarie della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana.

D: Buonasera chef, ci devi perdonare ma in questo format di intervista abbiamo l’abitudine di partire dall’ultima domanda, quindi, regalaci uno slogan che useresti per descrivere waveco® e la sua maturazione spinta©

R: “Per me lo slogan più adatto è questo: dopo aver utilizzato waveco® è impossibile tornare indietro. Non se ne può più fare a meno”

D: E ora parlaci di te, come nasce Ernesto Iaccarino in cucina, qual è stato il tuo approccio – fino ad oggi, prima di usare waveco® – verso le innovazioni tecnologiche nel tuo lavoro.

R: “Noi del Don Alfonso, da sempre siamo aperti all’innovazione tecnologica. Penso che in cucina sia prioritario sperimentare e trovare nuove soluzioni culinarie e waveco® aiuta in questo tipo di test: si parte sempre dall’idea del piatto e si procede al confronto tra tecnica tradizionale e processo con la maturazione spinta©”.

D: Quali sono le materie prime che utilizzi maggiormente nel tuo ristorante e come le lavoravi prima di usare waveco® ?

R: “Noi utilizziamo solo materie prime di altissima qualità e da sempre le lavoriamo andando a rispettarne le loro caratteristiche”.

D: Come è cambiato il tuo lavoro con l’inserimento di waveco® all’interno della tua cucina e quali sono i tuoi vantaggi nel suo utilizzo?

R: “Sicuramente il vantaggio maggiore è il rispetto della materia prima. Con waveco® riusciamo a lavorare il tonno fresco accorciando i tempi di preparazione; dopo l’abbattimento termico lo trattiamo con la maturazione spinta© e riusciamo a risparmiare fino a sette giorni di frollatura. Successivamente – in base al piatto da realizzare – lo possiamo cuocere a temperature molto più basse oppure andiamo a realizzare delle tartare che mantengono colori brillanti ed acquisiscono una morbidezza infinita, non ottenibile con le tecniche tradizionali.”.

D: Per quale tipo di preparazione non potresti più fare a meno di utilizzare waveco®?

R: “Con waveco® otteniamo ad esempio, grandi risultati su un pesce complesso nella preparazione come la ricciola: grazie agli ultrasuoni della maturazione spinta© riusciamo ad utilizzare anche le parti che in passato scartavamo, quelle più fibrose che sono però le più buone, ottenendo delle carni morbidissime”.

D: Su quale alimento o preparazione/tecnica ti ha sorpreso di più?

R: “Abbiamo utilizzato waveco® per la frollatura della carne e dei pesci, per la realizzazione di estrazioni e per stabilizzare le salse a freddo. Una volta utilizzata in cucina è impossibile tornare indietro. Si farebbe fatica a pensare di non poterla più utilizzare. Io come chef mi sentirei – diminuito – se waveco® non fosse stata inventata”.

D: waveco® è una macchina che permette allo chef molta sperimentazione in cucina. Tu hai qualche alimento o preparazione sulla quale stai cercando di affinare l’uso degli ultrasuoni della maturazione spinta©?

R: “La tecnologia della maturazione spinta© di waveco® apre un’infinità di porte alla sperimentazione in cucina. Il nostro rapporto con la macchina è un work in progress.

D: Tra i vantaggi che offre waveco® con il suo utilizzo, qual è quello che ti è risultato più utile durante il tuo lavoro?

R: “Sicuramente grazie a waveco® riusciamo ad ottenere grandissime morbidezze su determinate materie prime. Inoltre riusciamo ad utilizzare nei nostri piatti parti di cibo che prima scartavamo”.

D: E ora ti chiediamo di svelaci una tua personale preparazione, un “passaggio” che fai con waveco® per la realizzazione di un tuo piatto.

R: “Uno dei piatti che abbiamo realizzato è quello del brodo di zucca piccante: il brodo viene inserito in waveco® e maturato per un’ora (contro un processo tradizionale che prevede una bassa temperatura per ¾ ore di cottura) e siamo riusciti ad ottenere un’estrazione di zucca fantastica”.

Grazie Chef.

Per chi volesse vivere un’esperienza culinaria indimenticabile ed assaggiare così le prelibatezze preparate con waveco® dallo chef Ernesto Iaccarino vi invitiamo di fare una visita al Don Alfonso 1890 – Corso Sant’Agata, 11/13 – 80061 Sant’Agata Sui Due Golfi, Napoli. tel. 0039 081.878.00.26 – 081.878.05.61

DIVENTA PROTAGONISTA DELLE NUOVE SFIDE SULL’ALIMENTAZIONE

Noi di Next Cooking Generation abbiamo un sogno, quello di rendere i cibi che consumiamo ogni giorno più sicuri. Per questo motivo abbiamo avviato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Back To Work 24 (backtowork24.com) che ci permetterà di proseguire la nostra ricerca e ed andare così a sviluppare e mettere sul mercato un nuovo macchinario, che abbiamo chiamato Krudo®, e che permetterà di andare a sanificare ogni tipo di alimento andando così ad arginare il problema dell’intossicazione alimentare.

Grazie alla campagna di crowdfunding potrai sostenere la nostra ricerca con la tua quota – il nostro obiettivo è quello di raccogliere tra i 100.000 e i 600.000 euro – e diventare così protagonista attivo delle nuove sfide sull’alimentazione.

Aderendo avrai un ritorno economico elevato nei prossimi anni, un beneficio fiscale immediato (detrazione dell’Irpef pari al 30% di quanto investito) ed inoltre entrerai nel capitale di un’azienda innovativa con grandi potenzialità di crescita.

Per maggiori informazioni sulla campagna di crowdfunding e per visionare la documentazione visitare la pagina dedicata di Backtowork24 

Per maggiori informazioni su Next Cooking Generation visitare il sito aziendale