La qualità delle materie prime, la riduzione degli sprechi e la continua ricerca e sperimentazione in cucina con un’occhio alla tradizione del territorio sono fattori chiave per una ristorazione di successo.E su questi elementi gli addetti del settore dovranno puntare per ripartire e tornare alla normalità dopo che sarà terminata l’emergenza sanitaria che ha sconvolto il mondo intero e cambiato radicalmente le abitudini e le relazioni sociali di tutti mettendo a rischio intere categorie del mondo Ho.Re.Ca. 

I ristoranti – ne siamo sicuri – torneranno ad essere il luogo ideale per la convivialità e le cucine saranno nuovamente il tempio di cuochi e chef dove potranno dare nuovamente libero sfogo alla loro creatività e sperimentazione per una continua ricerca di sapori nuovi, ingredienti e consistenze inusuali che permettano ai loro clienti di intraprendere un viaggio nel mondo del gusto rimanendo comodamente seduti a tavola.

Da sempre la cucina è scoperta, è ricerca, è infinita passione per gli alimenti che si utilizzano per la realizzazione dei piatti; alimenti che sempre più dovranno tornare ad essere quelli del territorio, perché come ci hanno raccontato moltissimi chef che abbiamo incontrato nel nostro viaggio attraverso l’Italia che cucina, per ripartire ed emergere nel mondo della ristorazione ora più che mai sarà necessario puntare sulla qualità, sullo studio e dedizione per il proprio lavoro e purtroppo sarà necessario anche cercare di riorganizzare le proprie metodologie e tecniche di cucina tenendo in considerazione i costi ed i tempi di preparazione.

Il futuro della ristorazione è quindi legato sia alla rinnovata capacità dei cuochi nel cercare nuove soluzioni culinarie che possano incontrare le esigenze ed i gusti dei clienti sia all’utilizzo in cucina di nuovi macchinari evoluti tecnologicamente che permettano una migliore gestione del servizio ed aiutino la brigata e lo stesso chef nell’esecuzione e nella sperimentazione dei vari processi di manipolazione alimentare.

Indubbiamente il processo di ammodernamento delle attrezzature all’interno delle attività ristorative oggi può essere visto come un ulteriore aggravio dei costi, ma in base alle esperienze degli chef e ai parametri economici, si può affermare che un’attività Ho.Re.Ca. che in un periodo di incertezza punti sul rinnovamento o su un nuovo inserimento di macchinari in cucina riesce a contrastare e superare brillantemente la riduzione dei coperti e tagliare i costi di gestione.

La ristorazione deve dunque oggi più che mai puntare sull’innovazione se vuole sopravvivere a questa situazione di crisi del settore: per il successo è necessario coniugare tradizione e tecnologia andando a sviluppare i metodi e le tecniche utilizzate fino ad oggi con un aiuto di macchinari che permettano di proseguire il trend che porta verso un’alimentazione più sana, cercando di rispettare le proprietà degli ingredienti e delle materie prime, valorizzando il gusto e riducendo gli sprechi di cibo.

Queste nuove tecnologie che mettono a disposizione macchine come la waveco® permettono sia di migliorare tutto il processo organizzativo e produttivo all’interno di una cucina sia danno la possibilità agli chef o la brigata che dovesse utilizzarla di sperimentare e trovare nuove soluzioni culinarie per i propri piatti.

La macchina waveco® è un concentrato di innovazione tecnologica, frutto di un lungo lavoro di ricerca e sviluppo portato avanti dalla Next Cooking Generation che è riuscita a brevettare e portare sul mercato una nuova tecnica, la maturazione spinta©, che per prima al mondo utilizza gli ultrasuoni focalizzati per la realizzazione di qualsiasi tecnica o concept di manipolazione alimentare. 

Come ci raccontano molti chef che già utilizzano la macchina nei loro laboratori di ricerca o nella loro cucina, l’innovativa tecnologia della maturazione spinta© stupisce con i suoi risultati ad ogni suo utilizzo: dall’ammorbidimento degli alimenti sia animali che vegetali, passando per l’accelerazione di processi come la canditura o le fermentazioni, oppure per il miglioramento di tecniche come le marinature o le omogeneizzazioni.

waveco® è una macchina pensata per gli chef e tutti gli addetti del settore; uno strumento fondamentale per il miglioramento del lavoro e un alleato insostituibile per la creatività e la crescita professionale. Come ci ha raccontato ultimamente lo chef Viacava (qui trovate la sua intervista integrale) “waveco® è una macchina assolutamente indispensabile per chi vuole davvero avere qualcosa di differente nel proprio menù. Il suo utilizzo è veramente trasversale, partendo dagli olii essenziali che grazie alla maturazione spinta acquisiscono profumi e sapori inimitabili, per continuare con le verdure, pesce e carni varie, ma anche frutta o dolci. Noi personalmente amiamo questa macchina: giorno dopo giorno, durante il suo utilizzo scopriamo nuove applicazioni, nuove sorprese sulle varie preparazioni che realizziamo. Noi non vediamo un punto di arrivo su questa macchina ma un’evoluzione continua. Credo che questo sia lo spirito giusto per tutti quelli che vogliono creare qualcosa di importante nel proprio ristorante”.

Continua a seguire il nostro viaggio attraverso l’Italia e leggi le interviste agli chef che usano waveco® in cucina; scoprirai come loro hanno superato questa fase di post-pandemia attraverso nuove soluzioni culinarie ed innovazione tecnologiche.

Leggi le interviste>>>>>>

Mentre, per avere maggiori informazioni sulla nostra macchina waveco® e sulla sua tecnica della maturazione spinta© ti invitiamo a scriverci o a contattarci utilizzando il nostro form>>>>