L’innovazione tecnologica dei macchinari destinati al mondo del food non è mai stata così al centro delle problematiche degli addetti al settore come in questa fase di emergenza sanitaria dove tutto il mondo Ho.Re.Ca. deve fare i conti con una situazione di crisi che purtroppo si potrebbe prolungare per moltissimi mesi.In virtù di questa situazione le attività da svolgere all’interno di un ristorante sono diventate più complesse sia per soddisfare le esigenze legate alla sicurezza dei clienti sia sotto il profilo della gestione dei costi al fine di garantire la sopravvivenza dell’attività imprenditoriale. Nasce così l’esigenza di trovare nuove soluzioni che possano da subito incrementare il proprio lavoro mantenendo bassi i consumi e contestualmente non diminuire la qualità della propria offerta alla clientela. 

Un punto sul quale è possibile agire da subito per la riduzione dei costi è senza dubbio quello dell’aspetto del consumo energetico: in base a recenti studi si è, infatti, stimato che il consumo di energia rappresenta uno degli aspetti ambientali ed economici più critici, capace di incidere in modo significativo nella gestione di un’attività ristorativa. 

Secondo i rapporti Unioncamere e F.I.P.E. (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), i consumi di elettricità del settore ristorazione e alberghiero sono aumentati esponenzialmente negli ultimi 15 anni: il settore in Italia, comprende più di 300 mila esercizi pubblici tra bar, ristoranti e mense, dove sono presenti più di 600 mila apparecchiature professionali e questo aspetto rappresenta la tipologia di attività commerciale più energivora in assoluto nel nostro Paese; per bar e ristoranti si parla ad esempio di consumi che arrivano a circa 26.000 kWh di elettricità l’anno.

Puntare quindi sulla riduzione dei consumi energetici – ad esempio per un ristorante – equivale a una ricaduta positiva sull’attività che permette una diminuzione dei costi fissi di gestione e che si traduce in un aumento di competitività e ottimizzazione della qualità del prodotto e del servizio.

Secondo gli studi, gran parte dei consumi potrebbero essere migliorati e alleggeriti procedendo a un rinnovo delle attrezzature; sono infatti le apparecchiature più datate a consumare maggiormente. Altro aspetto da valutare è quello di andare ad acquistare attrezzature nuove e dotate di funzioni tecnologicamente avanzate che ne permettono il loro utilizzo in diversi processi di lavorazione, andando così a ridurre il numero di attrezzature necessarie all’interno della propria attività. 

Un passo dunque da valutare con attenzione, tenendo naturalmente in considerazione l’investimento iniziale necessario, ma avendo la consapevolezza che la sostituzione del vecchio macchinario o l’inserimento di un nuovo più evoluto rappresenterà un acquisto che si ripagherà da solo in poco tempo grazie all’immediata riduzione degli sprechi, delle inefficienze e malfunzionamenti andando a ridurre i costi energetici e permettendo un miglioramento dell’aspetto lavorativo durante le fasi della preparazione e del servizio.

Durante il nostro viaggio attraverso l’Italia che cucina nel post Covid-19, abbiamo parlato con moltissimi chef che ci hanno raccontato come sono riusciti a superare queste problematiche andando a dotare le proprie cucine di macchinari tecnologicamente evoluti che gli hanno permesso di andare a ridurre in maniera netta i costi costi legati al consumo energetico nelle propria attività, tutto a vantaggio della qualità e del servizio offerto alla propria clientela.

Uno di questi macchinari adottati è la nuova waveco® che grazie alla sua innovativa tecnica ad ultrasuoni focalizzati della maturazione spinta©, ha permesso agli chef di andare ad abbattere le spese legate al consumo energetico andando ad agire sin dall’acquisto della materia prima, dalla sua conservazione e successiva manipolazione.

Parliamo di una nuova frontiera di tecnologia ecosostenibile che permette agli addetti al settore di ridurre il numero di attrezzature da utilizzare durante il lavoro, consentendo una diminuzione dei costi energetici in media fino al 70% grazie ai suoi bassi consumi di utilizzo.

Come ci hanno riferito alcuni chef che già utilizzano la macchina waveco® nella loro cucina, oggi in questa fase di ripartenza è fondamentale utilizzare attrezzature che permettano una sensibile riduzione dei costi e la macchina waveco® sotto questo profilo permette di ottenere un grandissimo aiuto. 

Il valore aggiunto che la tecnologia della maturazione spinta© può dare al servizio delle cucine professionali è molto ampio e profondo: utilizzandola in cucina è possibile svolgere le attività di routine in maniera più organizzata e veloce avendo inoltre la possibilità di gestire il personale in maniera più proficua e adeguata nelle varie mansioni, utilizzando meno macchinari e quindi evitando sprechi e costi inutili.

Grazie alla sua tecnica si possono accelerare in maniera incisiva alcuni processi e preparazioni che normalmente con le tecniche tradizionali richiedono molte ore di lavorazione: questi risparmi di tempo e ovviamente di costi energetici si possono ottenere con qualsiasi tecnica di cucina o alimenti; dagli ortaggi, al pesce o la carne, ad esempio andando a evitare di eseguire lunghi trattamenti di frollatura o cotture prolungate e ottenendo in egual modo un prodotto morbidissimo ma di una migliore qualità sotto il profilo delle caratteristiche nutrizionali.

L’aiuto tecnologico che può dare una macchina come waveco® oggi al mondo della ristorazione è fondamentale: se prima di questa emergenza sanitaria l’innovazione dei macchinari poteva suscitare ancora alcune resistenze e scetticismi, oggi è ancora più evidentemente che questo tipo di innovazione possa fare una grande differenza nell’affrontare i problemi e soprattutto i costi quotidiani in cucina. 

Continua a seguire il nostro viaggio attraverso l’Italia e leggi le interviste agli chef che usano waveco® in cucina; scoprirai come loro hanno superato questa fase di post-pandemia attraverso nuove soluzioni culinarie ed innovazione tecnologiche.

Leggi le interviste>>>>>>

Mentre, per avere maggiori informazioni sulla nostra macchina waveco® e sulla sua tecnica della maturazione spinta© ti invitiamo a scriverci o a contattarci utilizzando il nostro form>>>>